Cosa vogliono gli acquirenti?

23/Mar.2018. giancarlorovatti

Cosa vogliono gli acquirenti? Fidanzamento.
Quando lo vogliono? Adesso.

 

Il prezzo può essere il fattore principale nelle decisioni di acquisto dei consumatori, ma i marchi e i negozi possono ancora differenziarsi dalla concorrenza concentrandosi su ciò che è unico e speciale su di loro e davvero coinvolgente con i loro clienti.

Questa è la conclusione dell’ultimo rapporto di Kibo. Per il suo frettoloso titolo “Rapporto sulle tendenze dei consumatori 2018 – coinvolgere il consumatore informato”, ha parlato con 3.000 consumatori statunitensi e ha scoperto che essi sono sempre più alla ricerca di esperienze di shopping differenziato. Che sia online o nei negozi fisici, vogliono che le loro esperienze siano ricche, informative e personalizzate.

È interessante notare che, mentre, come detto, il prezzo è ancora il fattore numero uno, con il 61% degli intervistati che lo citano, che è in calo di quasi il 13% su base annua. Al contrario, l’importanza dell’esperienza di acquisto è raddoppiata.

E la percentuale di partecipanti che nomina la varietà e la velocità delle opzioni di realizzazione come fattori decisivi è cresciuta di 1,3 volte e 3 volte, rispettivamente. Ma se tutti offrono prezzi competitivi, opzioni di consegna e velocità, cosa può fare distinzione tra marchi e rivenditori?

Bene, per i marchi (piuttosto che i rivenditori), più della metà degli intervistati ha dichiarato di aspettarsi contenuti estesi sui propri siti Web, suggerendo che le immagini dei prodotti, i video, le specifiche dettagliate, le guide di confronto e altri strumenti di valutazione sono tutti fattori chiave.

E altri fattori che guideranno gli acquirenti verso un sito di marca piuttosto che un altro includono la disponibilità di magazzino. Più della metà degli intervistati non ama vedere articoli esauriti e si aspetta che siano in magazzino. Circa il 45% ritiene inoltre che troverà una maggiore varietà di prodotti disponibili sul sito del marchio e il 40% ritiene che i produttori hanno più articoli dei rivenditori.

Nel frattempo, per i rivenditori, sembra che i negozi fisici siano davvero importanti e sembra che la capacità di toccare e sentire gli oggetti, oltre a provarli nel caso di vestiti e scarpe, stia diventando sempre più importante, nonostante molti sondaggi dimostrano che gli acquirenti sono contenti di non avere a che fare con il personale del negozio. C’è una crescente volontà di coinvolgere i dipendenti del negozio per l’assistenza nella ricerca di oggetti; il 57% degli intervistati ha dichiarato di averlo fatto, con un aumento del 18,75% rispetto al 2017. Più dei due terzi degli intervistati ha dichiarato di aspettarsi che abbiano accesso alla cronologia degli ordini, suggerendo interazioni che attirano gli acquirenti attraverso i touchpoint.

“Mentre i commercianti lottano per prosperare nell’era di Amazon e cercano sempre più modi per coinvolgere i consumatori, la chiave è capire quali fattori influenzano il comportamento di acquisto di un consumatore”, afferma Tushar Patel, CMO, Kibo.

 

Di Sandra Halliday | Wgsn

JOIN THE
GIERRE CREW!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER