Startup, i grandi brand a caccia d’affari

25/Gen.2018. giancarlorovatti

Dalla logistica alla categoria delle proteine vegetali, i big del food & beverage globali si sfidano investendo sulle piccole realtà innovative. E tra i protagonisti c’è Barilla

 

Secondo una ricerca di CB Insights, negli ultimi due anni i colossi internazionali del food hanno moltiplicato i loro investimenti in startup innovativelanciando nuovi fondi di venture capital e programmi di accelerazione. Nel mirino ci sono anzitutto le giovani imprese attive nei settori della logistica e delle proteine vegetali, promotrici di approcci alternativi e futuristici al business, spesso con una forte impronta ecofriendly. E’ il caso per esempio della californiana Beyond Meat, specializzata in hamburger a base di piselli, olio di cocco e succo di barbabietola, che ha ricevuto finanziamenti da parte di Tyson Food, gigante americano della produzione di carne. Oppure delle promettenti  Bright Greens e Kuli Kuli, che operano nel campo dei superfood, sostenute dal fondo di Kellog Company. In poco più di due anni, ben nove giganti del mercato alimentare, tra cui anche DanoneGeneral Mills e Campbell Soup  hanno varato dei piani per acquisire o finanziare nuove startup.

 

Il nuovo fondo di Barilla

Una delle ultime big a muoversi in questa direzione è stata Barilla, che da poche settimane ha varato Blu1877. Si tratta di un fondo dedicato alle idee nate all’interno del suo progetto pilota di innovazione, con un focus sulle soluzioni legate ai core business aziendali. A cominciare, quindi, da pasta e sughi prodotti in maniera sostenibile, tecnologie green e ingredienti salutistici.

 

leggi l’articolo completo FOOD

segui i giovedì di Gierre Crew

JOIN THE
GIERRE CREW!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER