MARKETING NEL 2018: LE MIGLIORI TENDENZE

02/Feb.2018. giancarlorovatti

STRATEGIA & INNOVAZIONE

Emerge un senso di ottimismo, mentre i marchi attribuiscono una maggiore attenzione all’emozione e ad una mentalità del marketing. Con il continuo interesse del consumatore per i contenuti social, il marketing degli influencer si evolve per colmare la realtà con la fantasia, mentre gli sviluppi in AR e AI influenzano direttamente i marchi.

Internet ha trasformato i media in software connessi capovolgendo la visuale, nonchè i modelli di business che si sono profondamente rimodellati.Dal momento che tutte queste cose sono collegate, dobbiamo capire come innovare e comunicare.

 

Wesson Wang

Ecco le principali tendenze di marketing che dovrebbero dare forma al 2018.

I consumatori entrano nell’anno nuovo con più ottimismo e responsabilità. Quest’anno richiede cambiamenti organizzativi sismici e l’adozione di nuove tecnologie mobile: il 5G è dietro l’angolo.

Mindset marketingcoppia di dati demografici e psicografici per un impatto più potente.

Augmented realityla realtà aumentata non solo per i giochi, ma diventa uno strumento di consumo funzionale.

Influencer marketingcontinua l’investimento in talenti social e emergono gli influencer.

Scopo e politica: un panorama culturale politicizzato e una richiesta di scopo significa che il tuo marchio potrebbe prendere una posizione sociale.

Vendere sè stessi: i marchi personalizzano la messaggistica per potenziare e difendere te e solo te.

Marketing per eventi: investire in esperienze e aggiungere un biglietto o una quota di iscrizione; se necessario la gente pagherà.

Social video: se non hai una strategia Instagram Stories, implementala ora.

AI e voce: l’investimento porterà a messaggistica personalizzata e percorsi più semplici per l’acquisto.

 

 

 

 

Molti marketer sono fissati su vecchie strategie di segmentazione, ma i marchi nel 2018 guardano a segnali attitudinali e culturali per guidare i loro sforzi di marketing. Una combinazione di dati psicografici e demografici catturerà un pubblico più impegnato e soddisfatto.

Questa tendenza riguarda i metodi di targeting comportamentale che abbracciano la mentalità dei consumatori, non i loro dati demografici. Gli atteggiamenti mentali tagliano i dati e ti dicono che cosa sta veramente guidando un acquisto, che sia paura o gioia”.

 

Influencer Marketing

Nel 2017, c’è stato un aumento del 325% nelle ricerche di Google per “influencer marketing”. Uno studio condotto dalla piattaforma di marketing Linqia suggerisce che il 39% dei marketer prevede di aumentare i budget dell’influencer nel 2018, con una spesa prevista compresa tra $ 25k e $ 50k.

Con il disordine e la concorrenza che affliggono l’ecosistema di Instagram, i marchi devono affinare i loro sforzi di reclutamento di talenti.

Miquela’s Instagram

Event marketing

Secondo uno studio di Event Marketing del 2018 , l’87% dei marketer ritiene che gli eventi live siano attribuibili al successo di un’azienda, il 31% afferma che gli eventi sono la forma più efficace di marketing e il 66% prevede di aumentare gli eventi dal vivo nel 2018.

“La condivisibilità di Instagram è diventata una decisione legittima di design e marketing in tutti i settori, poiché la maggior parte degli articoli, dei contesti e degli spazi saranno visualizzati esclusivamente online”, afferma Ana Andjelic, stratega del marchio e dottore in sociologia.

Considerando la continua spinta dei consumatori a catturare e condividere contenuti, l’appetito per le esperienze offline continuerà fino al 2018.

Cosa aspettarsi nel 2018

  • Eventi segnati: anticipare un’impennata degli eventi con un cartellino del prezzo che fungono da stratagemma di marketing piuttosto che strumenti generatori di entrate. Catturare il momento Instagram perfetto è l’obiettivo e le tasse d’ingresso valgono la pena per molti consumatori.
  • Esposizioni pubbliche di grandi dimensioni con A-listers che attirano la folla: guarda l’ evento di Bvlgari a Roma con Bella Hadid e l’attivazione di Adidas nelle strade di New York con Desiigner e Pharrell. I marchi raggiungeranno un nuovo pubblico e coinvolgeranno ulteriormente i fan attuali.
  • Personalizzazione: un pilastro fondamentale del successo nell’economia dell’esperienza, offrire ai fan un’intima opportunità di relazionarsi con il marchio a livello emotivo: l’emozione è la chiave del 2018, così come l’empatia.
  • Esca per Instagram: dopo il successo della Mostra di pop-up di Louis Vuitton, ci aspettiamo un aumento nelle esposizioni di arte adatta per il social.

 

 

Social Video

Utenti e aziende si sono riversati su Instagram Stories. La crescita sta aumentando a un ritmo sorprendente, lasciando Snapchat nella polvere. Con oltre 300 milioni di utenti giornalieri impegnati in Storie, Instagram ha visto anche un aumento del tempo medio trascorso sulla piattaforma, da 21 minuti prima del suo lancio, a 32 minuti.

Per ottenere il meglio da Instagram Stories nel 2018, usa i tuoi obiettivi per scoprire che tipo di contenuti pubblicare: stai cercando consapevolezza, coinvolgimento o conversione? Mentre molti brand optano per contenuti di alta produzione, gli utenti sono ancora alla ricerca di altri momenti di scena, simili ai contenuti nativi che vedono dagli amici.

Nel 2018, Facebook “Watch”, lanciato nella seconda metà del 2017, catturerà nuovi segmenti di pubblico con un mix di programmazione in stile TV che competerà con il video YouTube così come Netflix, Amazon e Hulu.

Artificial Intelligence

Cosa aspettarsi nel 2018

  • Fidati dell’intelligenza artificiale: roadmap in cui l’intelligenza artificiale può aiutare la tua strategia di marketing al massimo, sarà il focus nel 2018
  • Investire nella grafica: i progressi nel riconoscimento delle immagini significano che dovresti essere più intelligente sulla tua strategia visiva.
  • Marketing predittivo: gli algoritmi gestiscono l’afflusso di dati, anticipare un futuro SEO e banner pubblicitari.

 

Voice vies for market share

Cosa sapere per il 2018

  • Contenuto a comando:  mentre il digitale ha sorpassato la stampa, la voce sta lentamente guadagnando terreno come strumento di narrazione valido. Aspettatevi più marchi e fornitori di contenuti per esplorare storie narrative con l’aiuto di assistenti digitali nel 2018
  • Protezione della privacy: poiché le violazioni dei dati continuano ad affliggere il mercato, l’identità vocale diventerà sempre più importante per proteggere il materiale sensibile.
  • Rispetto della sua funzione: la  voce sarà considerata prevalentemente uno strumento di produttività dai consumatori nel 2018. Presta attenzione e cerca di aggiungere valore, non solo rumore.
  • Conveniente commercio conversazionale: sviluppando abilità speciali per gli assistenti digitali, la voce può facilitare il percorso di acquisto. Guardate i marchi come Domino’s Pizza, che ha iniziato ad investire nella voce presto – anticipando il suo eventuale status come uno strumento di commercio.

 

Augmented reality

Cosa sapere per il 2018

  • Soddisfare l’appetito del consumatore: con la facilità di creare esperienze AR, prendere in considerazione l’avvio di un’esperienza AR per collegare gli utenti ai tuoi prodotti in un modo utile.
  • Collega i punti e preparati: le recenti acquisizioni e i brevetti depositati da Apple indicano cosa accadrà. Anche se non è previsto che raggiunga il mercato fino al 2019, cerca il lancio della cuffia auricolare AR di Apple per anticipare la prossima ondata di innovazione.
  • Annunci aumentati: nel 2017, Facebook ha lanciato la sua piattaforma di effetti fotocamera, mentre Snap ha lanciato il suo obiettivo mondiale 3D. Mentre entrambi lottano per dominare, ci aspettiamo che più marchi sperimentino pubblicità aumentata sui social media.

 

Purpose and politics

Cosa sapere per il 2018

  • Non cooptare una causa:  collega le preoccupazioni principali in modo autentico, collegando i problemi ai valori, alle credenze e alle pratiche commerciali del tuo marchio (ad esempio Cotopaxi ).
  • Sii il cambiamento:  affronta i problemi con cambiamenti funzionali, come gli spogliatoi di genere di Topshop.
  • I messaggi superficiali non sono sufficienti: i consumatori si aspetteranno che i marchi parlino dei problemi in cui comunicano.

 

 

Optimism ahead

Mentre il consenso generale è che il 2017 è stato un anno di alti e (soprattutto) bassi, il 2018 dovrebbe portare a una ripresa più ottimistica. Secondo un sondaggio di Morning Consult del dicembre 2017 , il 53% dei consumatori vede un anno migliore. I marchi che condividono questo sentimento dei consumatori stanno anche ottimizzando strategicamente le loro strategie di comunicazione.

Virgin Australia ha creato una campagna motivante chiamata “Uptimisti” nell’ottobre 2017, canalizzando un atteggiamento positivo per combattere l’ondata globale di incertezza. Il nuovo posizionamento del marchio, e il lavoro creativo indicano i primi cambiamenti che i marchi stanno adottando per garantire che un senso di ottimismo sia distribuito e associato alla loro azienda.

Essere ottimisti non significa che tutto sia perfetto e felice in ogni momento. Si tratta di vedere la possibilità piuttosto che la difficoltà della situazione in cui ti trovi.

 

 

 

nte ricerca: WGSN Limited_Private Company Information

 

 

JOIN THE
GIERRE CREW!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER